Luglio 24, 2024

Abbiamo appreso che i fondi del PNRR destinati allo sviluppo degli studi di Cinecittà sono venuti a
diminuire per un importo complessivo di 40 milioni di Euro, sui 262 inizialmente previsti, cosa che fa
decadere i progetti di investimento e di costruzione di 9 nuovi teatri sul terreno di Torre Spaccata.


Pur recependo le ragioni alla base di questa decisione, vogliamo sottolineare che come CGIL Roma e
Lazio e SLC CGIL Roma e Lazio riteniamo che la rinuncia volontaria agli investimenti disponibili non
sia mai una buona notizia, soprattutto per una azienda, una città ed un paese che da oltre trenta anni
denunciano proprio la mancanza di investimenti pubblici come uno dei fattori del mancato sviluppo
infrastrutturale, tecnologico ed occupazionale della nostra città e del Paese.


Il potenziamento delle attività degli studi ricadrà, quindi, principalmente sui teatri già esistenti e
raccogliamo con favore l’intenzione riferita da azionisti e direzione di assicurare che il cronoprogramma previsto per l’utilizzo dei fondi del PNRR sia rispettato.


Per questo riteniamo necessario avviare fin d’ora i necessari approfondimenti sui livelli occupazionali
aggiuntivi che i nuovi teatri e le nuove tecnologie richiederanno per sviluppare le produzioni,
offrendo così alla città un nuovo polo di sviluppo di competenze e professionalità di elevata qualità.


Come CGIL Roma e Lazio ed SLC-CGIL di Roma e del Lazio seguiremo con la massima attenzione ogni
fase attraverso la quale Cinecittà potrà riconquistare un posto di prestigio nel panorama del cinema
internazionale e ci auguriamo che quanto ora rimanga in sospeso rispetto al destino dei 9 nuovi teatri
aggiuntivi possa trovare uno sbocco positivo attraverso ulteriori futuri investimenti da implementare
nel territorio in armonia con il principio delle norme del NGEU in tema di DNSH, con le proposte dei
cittadini e dalle associazioni del territorio in riferimento al futuro delle zone a verde, favorendo la
nascita dei nuovi studios con i fondi disponibili per la rigenerazione urbana riutilizzando infrastrutture
urbane dismesse disponibili sul territorio in prossimità della sede storica di Cinecittà Studios.


Il ruolo sociale che il Cinema e la sua industria rivestono richiedono la massima concentrazione di
tutti gli attori coinvolti e come CGIL Roma e Lazio e SLC CGIL di Roma e del Lazio siamo pronti a dare
il nostro contributo a partire dalla disponibilità a sottoscrivere con l’Azienda un Protocollo sugli
Appalti per le Opere da realizzare che recepisca tutte le norme più avanzate in tema di sicurezza e
legalità dei cantieri, definite nel Protocollo sottoscritto dalle OOSS CGIL CISL UIL di Roma e Lazio con
il Prefetto di Roma.


Roma, 3 Agosto 2023

SLC CGIL Roma e Lazio & CGIL Roma e Lazio